L’inverno è alle porte: come contrastare gli effetti del freddo sul tuo cancello in ferro?

L’inverno è alle porte: come contrastare gli effetti del freddo sul tuo cancello in ferro?

Consigli-per-la-manutenzione-dei-cancelli-in-ferro

Mantieni sempre viva la bellezza del tuo cancello in ferro.


I cancelli in ferro sono molto belli da vedere, molto eleganti, conferiscono un certo stile all’abitazione che li possiede, rappresentando un valido ed eloquente biglietto d’ingresso, soprattutto quando sono intagliati e abbelliti con decori. Una bellezza che però va preservata nel tempo con cura e metodo, altrimenti si rischia di avere un bel cancello ma dall’aspetto vecchio e malconcio. CGS Metal non è solo una carpenteria che si occupa di realizzazione, installazione e riparazione: forniamo anche validi consigli per la corretta manutenzione dei tuoi manufatti in ferro.

manutenzione-cancelli-ferro

Freddo e ruggine: danni e soluzioni.


Con il calo delle temperature in inverno, può capitare di ritrovarsi con un cancello che fatica a muoversi o che addirittura si blocca. I malfunzionamenti con il freddo sono più diffusi di quanto si creda, ma prima di incolpare ingranaggi rotti o di sostituire dei pezzi a caso, è bene considerare tutti i possibili problemi. Questo materiale, infatti, deve essere trattato regolarmente contro la ruggine, per contrastare gli effetti della pioggia e dell’umidità. La ruggine rappresenta il nemico numero uno dei cancelli in ferro. E’ prodotta dall’ossidazione del ferro a contatto con l’aria e gli agenti atmosferici, come l’acqua che a lungo andare corrode il metallo. Ecco perché è necessario con costanza ciclica, almeno ogni due-tre anni dare una nuova passata di vernice al proprio cancello. L’operazione in sé non è molto difficile, ma richiede pazienza ed impegno.

ruggine-cancelli-ferro

Si deve partire dallo stato di salute e dalle condizioni in cui si trova il ferro. Se la pulizia in passato è stata costante, si possono ripulire le parti in cui si è formata la ruggine attraverso l’utilizzo di carta vetrata o spazzole metalliche e dopo aver passato l’antiruggine attendere almeno ventiquattro ore e procedere poi alla nuova mano di vernice. Discorso diverso se la ruggine si è estesa a porzioni più ampie di superfice. In questo caso il lavoro da fare diventa maggiore e richiede una pulitura più approfondita, anche con attrezzi elettrici che hanno una forza abrasiva maggiore. Non tutti però possono fare questo lavoro, spesso per poca dimestichezza. In questo caso, è meglio rivolgersi a dei professionisti che sapranno quale tecnica e, soprattutto, quali prodotti utilizzare. Manutenzioni periodiche, controllo e pulitura fanno si che la bellezza dei cancelli in ferro duri più a lungo, ecco perchè è fondamentale eseguirla periodicamente.

 

Pulizia delle persiane blindate.

Pulizia delle persiane blindate.

Rimedi-per-la-pulizia-delle-persiane-blindate

Pulire le persiane blindate: ti aiutiamo noi!


Lo sporco, lo smog e la polvere si annidano nelle fessure esterne delle persiane. Pulire le persiane è un lavoro che andrebbe fatto almeno una volta al mese, a seconda del posto in cui vivi. Se abiti in campagna, o al primo piano, sarà più semplice per te pulire le persiane in modo comodo, anche attraverso l’utilizzo di una pompa o con il vapore, riuscendo ad arrivare in tutte le fessure! Se abiti in un condominio, hai bisogno giusto di qualche accorgimento in più!

A prescindere dal materiale, per prima cosa devi assicurarti di togliere tutta la polvere depositata sia all’interno che all’esterno della persiana. Prendi un panno morbido e passalo con cura ovunque, cercando di pulire bene dentro le fessure. Se la polvere è troppo incrostata, prova a passare un panno umido con acqua calda e un po’ di detersivo sgrassante. Se hai uno strumento a vapore e vuoi un pulito più profondo, usalo direttamente sulle persiane per sciogliere lo sporco stratificato e in un secondo momento passa un panno bagnato.

Se vivi in città sicuramente lo smog e l’inquinamento sporcheranno molto le tue persiane; cerca quindi di pulirle bene almeno ogni due settimane. Aiutati anche con una scopa, cercando di far entrare le setole all’interno delle fessure per spingere via lo sporco. Insapona tutta la superficie e con un panno umido, togli tutto il sapone rimasto stando attenta a non graffiare la superficie usando spugne troppo abrasive. Fai poi un ultimo risciacquo con acqua fredda senza detergente e asciuga con un morbido panno in microfibra.

manutenzione-persiane-blindate

Pulire le persiane in ferro.


Se le tue persiane sono in ferro zincato tieni conto del fatto che, soprattutto nelle zone di mare, si possono ossidare più facilmente rispetto a quelle in ferro normale. Per pulirle usa una pasta abrasiva a grana sottile per togliere tutta la salsedine, lasciala agire per qualche minuto poi lucida tutta la superficie usando un panno in cuoio o di pelle di daino. Una volta rimossa tutta la pasta, risciacqua con acqua fredda, aspetta che si asciughi per bene e finisci il tuo lavoro passando della cera d’api che lucida la persiana perfettamente.

Se le tue persiane sono in ferro normale, dopo aver rimosso con cura tutta la polvere con uno spolverino prendi un secchio, riempilo con acqua tiepida ed un detergente sgrassante, come quello per i pavimenti. Aiutandoti con una spazzola a setole morbide, pulisci bene ogni spazio delle persiane, sciacqua con acqua fredda ed asciuga accuratamente con un panno di pelle di daino o in microfibra specifico. In commercio esistono anche dei prodotti perfetti per il ferro da passare per proteggere la tua persiana dalle intemperie, dall’inquinamento e dallo smog.

Sono stati utili i nostri consigli? Ci auguriamo di si! Se hai altre domande, non esitare a contattarci!

 

Come prendersi cura delle ringhiere in ferro con il “fai da te”?

Come prendersi cura delle ringhiere in ferro con il “fai da te”?

Sverniciare una ringhiera di ferro.


Sverniciare una ringhiera in ferro è un lavoro che ti capiterà almeno una volta nella vita, perché fa parte di quelle attività che si ritrovano spesso nell’universo casalingo, soprattutto se hai un giardino o un’entrata individuale. Grattare la vecchia pittura dal ferro e preparare la ringhiera o il cancello per la verniciatura però non è da tutti, ed è meglio, a volte, affidarsi a professionisti del mestiere. Il ferro è un metallo molto resistente, ma rimanendo alle intemperie si rovina. Quindi la manutenzione della pittura diventa indispensabile. Ecco perché devi conoscere tutti i passaggi per sverniciare una ringhiera in ferro. Iniziamo?

Come-pulire-la-ringhiera-in-ferro-milano-lombardia

La verniciatura è un’operazione necessaria per due motivi: da un lato preserva l’estetica del manufatto e permette alla ringhiera di integrarsi nel giardino. Dall’altro il velo di prodotto chimico protegge il ferro dagli agenti atmosferici, in primo luogo dalla pioggia. Ma per poter verniciare una superficie la devi prima preparare: ecco perché la sverniciatura, la rimozione del vecchio strato di pittura, diventa indispensabile se vuoi ottenere un lavoro a regola d’arte. Sia dal punto di vista estetico che funzionale. Una buona sverniciatura del ferro è indispensabile per preservare la ringhiera nel tempo.

Manutenzione-ringhiera-milano

Come e con cosa togliere la vernice dal ferro.


Per verniciare ed eseguire la giusta manutenzione alla tua ringhiera o al cancello devi togliere il vecchio strato di pittura. Quello che magari si è rovinato a causa del sole o della pioggia. Per togliere la vernice da una ringhiera in ferro puoi optare per diverse soluzioni, ma la più comune è sicuramente la sverniciatura meccanica. Cosa occorre in questi casi? Prima di tutto, tuta da lavoro, occhiali e mascherina per proteggerti da polveri e schegge. Poi c’è la cassetta degli attrezzi, che deve contenere:

  • Carta vetrata di diversa grana.
  • Trapano con spazzola metallica.
  • Raschietto e spazzola metallica manuale.
  • Pennello e stracci.

Questo è il sistema più semplice ed economico per grattare una ringhiera e togliere tutto ciò che potrebbe rovinare la nuova vernice. Come carteggiare una ringhiera? Semplice, se possibile la smonti e la metti su un piano di lavoro e poi inizi con la spatola a togliere le imperfezioni più evidenti. Ruggine e vernice rovinata si eliminano facilmente, ma per andare in profondità devi usare la carta di diversa grana. Iniziando da quella più doppia per arrivare alla più fine che si usa per rendere tutto più omogeneo.

Se, però, queste operazioni ti risultano troppo difficili o faticose, rivolgiti a chi ha fatto di questi interventi il proprio mestiere! Se vivi a Milano o in altre province della Lombardia, non esitare a contattarci!

 

La dura vita degli scuroni in ferro nei luoghi di mare.

La dura vita degli scuroni in ferro nei luoghi di mare.

Consigli-per-la-manutenzione-degli-scuroni-in-ferro

Scuroni e finestre al mare: i nostri consigli per tenerli al meglio!


Avere una villetta o un appartamento in una zona balneare è il sogno di tutti. Tuttavia è bene sapere che la presenza pressoché costante di vento, sole e umidità e la grande quantità di sale nell’acqua e nell’aria, tipica delle zone di mare, può far deperire più velocemente le parti esterne dell’edificio. Se non scegli i giusti materiali per realizzare la tua casa, potresti essere costretto a intervenire spesso con operazioni di manutenzione ordinaria e straordinaria o con vere e proprie ristrutturazioni. Per le finestre per casa al mare, ad esempio, abbiamo alcuni utili consigli anti-salsedine da darti.

 

manutenzione-ordinaria-finestre
  1. Ricordati la protezione, anche sulle finestre.


Le zone costiere sono molto più ventilate delle zone interne e ciò comporta lo spostamento di sabbia e salsedine, cioè del cloruro di sodio presente nell’acqua del mare. Una combinazione particolarmente aggressiva, che va a intaccare tutte le parti esterne dell’edificio, in particolare porte e finestre. Chi ha scelto serramenti in legno si sarà già pentito dell’acquisto, perché avrà notato un veloce deperimento del materiale. Il legno, infatti, è bello da vedere ma anche molto delicato e si rovina più facilmente degli altri quando colpito dagli agenti atmosferici, se non adeguatamente trattato. Il sole lo sbiadisce, la salsedine lo deteriora e la pioggia può impregnarsi nei profili e causare infiltrazioni, con deformazioni consistenti del profilo. Se non vuoi doverti continuamente occupare della manutenzione e conservazione delle finestre, scegli infissi con un ottimo grado di resistenza, che durano nel tempo e sono facili da pulire. Le migliori finestre per la casa al mare sono quelle in PVC. Questo materiale termoplastico, leggero e impermeabile, resiste bene alla corrosione degli agenti atmosferici. Inoltre, non richiede spese aggiuntive per la manutenzione e può essere personalizzato nei colori e nelle finiture, come più ti piace.

manutenzione-straordinaria-finestre-casa
  1. Manda in vacanza l’umidità.


Assieme alla salsedine c’è anche un altro problema da affrontare, quando parliamo di casa al mare: l’umidità. Soprattutto nel caso di appartamenti stagionali, cioè che restano chiusi per gran parte dell’anno e vengono utilizzati solo nei mesi estivi, il rischio di muffa è sempre dietro l’angolo. Se non puoi arieggiare i locali con una certa frequenza, devi provvedere a installare infissi isolanti, capaci di assicurare la giusta circolazione dell’aria anche a finestre chiuse.

Consiglio non richiesto, ma importantissimo: fuori gli ospiti indesiderati! Essendo disabitate per parecchi mesi all’anno, le case al mare possono essere prese di mira dai ladri. In molte località di mare addirittura ci sono stati dei casi di occupazione durata diversi giorni, a insaputa e grave danno per i proprietari. È quindi importante scegliere infissi con chiusure di sicurezza in grado di bloccare i tentativi di scasso e impedire le effrazioni, come, ad esempio, gli scuroni in ferro! Belli e resistenti, sono la soluzione perfetta per garantire protezione alla tua casa senza doverti preoccupare eccessivamente della manutenzione! Una finestra antifurto realizzata secondo gli standard giusti può resistere fino a 15 minuti, scoraggiando i malintenzionati a proseguire. Non ci credi? Rivolgiti a noi: per la casa al mare, l’appartamento in città o il rustico in campagna: abbiamo sempre la soluzione giusta per te.

I portoncini d’ingresso blindati sono sicuri anche grazie alla corretta manutenzione!

I portoncini d’ingresso blindati sono sicuri anche grazie alla corretta manutenzione!

Manutenzione-portoncini-d-ingresso-blindati-monza-brianza

L’importanza della manutenzione per la sicurezza della tua casa.


La manutenzione dei portoncini blindati d’ingresso è un controllo periodico che andrebbe fatto regolarmente e, soprattutto, con molta attenzione. In tal modo si ottiene un duplice risultato: da un lato, la durata dell’infisso aumenta in maniera considerevole, così come la sua efficienza; dall’altro, si ha la certezza che la grande protezione garantita da una porta blindata non diminuirà nel tempo.

In generale, la manutenzione delle porte blindate andrebbe svolta almeno una volta all’anno. Più in particolare, gli elementi che andrebbero controllati con maggiore attenzione sono tre: innanzitutto le cerniere su cui fa perno la porta; in secondo luogo ci sono le guarnizioni; infine c’è il vero cuore del sistema di protezione, ovvero la serratura.

In un certo senso, si può dire che la porta blindata “avverta” il suo padrone del fatto di aver bisogno di manutenzione. Ci sono infatti una serie di segnali da tenere in considerazione: la comparsa di una striscia sul pavimento in corrispondenza dell’apertura dell’anta, ad esempio, è già significativa, così come i rumori insoliti mentre la porta viene aperta.

Infine, un ultimo componente da controllare durante la manutenzione di porte e portoncini blindati sono i cilindri: la sicurezza del serramento dipende in buona parta anche dal fatto che questo elemento funzioni alla perfezione e non dia problemi.

prezzi-portoncini-sicurezza-monza

Qualche nostro consiglio per…


LA SERRATURA

La serratura ed il cilindro non vanno mai oleati. Solo nel caso che l’introduzione o l’estrazione della chiave nel tempo diventi difficoltosa, oppure che si senta un cigolio mentre si effettua la rotazione di chiusura o d’apertura, è necessario lubrificare il meccanismo interno dove si infila la chiave.

I PANNELLI

I pannelli di rivestimento della porta sono normalmente di legno; per la pulizia è sufficiente spolverarli con un panno non abrasivo, se necessario leggermente umido.

Manutenzione-portoncini-blindati-blindati-brianza

Se stai cercando un’azienda che esegua la manutenzione di portoncini blindati di sicurezza, tra Monza Brianza e limitrofi, rivolgiti a noi! Uno staff altamente specializzato sarà a tua completa disposizione per qualsiasi tipo di problema! Contattaci per conoscere i prezzi del nostro servizio!

Segni e sintomi di un’inferriata sofferente!

Segni e sintomi di un’inferriata sofferente!

Manutenzione-inferriate-in-ferro-casa-bregnano-como

Grate di sicurezza: se curate proteggono meglio!


Le grate in ferro, è cosa nota, sono dei validi alleati per la sicurezza passiva, proteggendo gli infissi dall’aggressione dei malintenzionati. In più, negli ultimi anni, hanno conosciuto un’evoluzione tecnologica notevole che riguarda sia l’impiego di materiali diversi, sia il brevetto di sistemi di apertura che ne hanno migliorato ulteriormente la sicurezza. Per far si che queste strutture assolvano a pieno ai compiti per cui sono realizzate, però, c’è bisogno che siano in “piena forma fisica”. Come capire se le tue inferriate hanno bisogno di manutenzione? Come mantenere le inferriate di casa pulite?

Pulizia-grate-bregnano

L’importanza di una regolare manutenzione.


Nonostante abbiano la fama di strutture indistruttibili e “non bisognose di cure”, grate e inferriate di sicurezza, come ogni altro dispositivo per la protezione della casa, necessitano di regolare manutenzione. In particolare, ogni struttura di sicurezza in ferro richiede l’esecuzione periodica di interventi di manutenzione indispensabili per mantenimento estetico della verniciatura, poiché la corrosione, il peggior nemico del ferro, è sempre in agguato, mai dimenticarlo!

riparazione-inferriate-di-sicurezza-como

La corrosione è il risultato del deterioramento e dei danni subiti dallo strato di vernice a causa di un prolungato accumulo di sporcizia che, combinata con l’umidità, produce uno spesso strato corrosivo. Quando si verificano tali condizioni e questi accumuli non vengono eliminati per lunghi periodi è facile che si inneschi il processo di corrosione. Il ritmo con il quale essa progredisce dipende da diversi fattori; come la posizione delle strutture, il grado di umidità della zona, la composizione dei depositi accumulati e il tempo di permanenza degli stessi. Ad ogni modo, il metodo migliore per preservare la vernice delle strutture e proteggerle contro la ruggine è di mantenerle pulite attraverso lavaggi frequenti. In condizioni particolarmente avverse è bene effettuare lavaggi con detergente neutro almeno una volta al mese. Il lavaggio è anche, la migliore occasione per controllare l’eventuale presenza di danni allo strato di vernice causati da traumi accidentali; se riparati mediante ritocco appena scoperti si evitano danni più estesi e la necessità di riparazioni più onerose. Per proteggere al meglio le tue grate in ferro dall’azione degli agenti atmosferici, comunque, consigliamo anche di passare una cera oppure uno smalto al termine della pulizia, che contribuiranno a rendere le grate più lucide. Se trascurati a lungo tutti questi segnali, si correrà il rischio di dover ricorrere a interventi di riparazione ben più invasivi e dispendiosi.

Noi di CGS Metal siamo esperti di tutto quello che riguarda le inferriate e la loro manutenzione! Puoi rivolgerti a noi per qualsiasi problema o richiesta: siamo attivi a Bregnano, dove abbiamo sede e in tutta la provincia di Como.