La corretta manutenzione dei portoncini blindati.

La corretta manutenzione dei portoncini blindati.

Consigli per la manutenzione dei portoncini blindati-Milano

La protezione garantita.


I portoncini blindati, oltre a presentare un aspetto estetico altamente personalizzabile, offrono garanzie prestazionali di sicurezza eccellenti: per tali motivi vengono sempre più scelte per la protezione della propria abitazione. Vengono realizzati con telai in acciaio elettrozincato verniciato a polvere e dotati di rostri fissi antiscardino in acciaio sul lato cerniere e di serrature di sicurezza montate su piastre antitrapano a più punti di chiusura e a più mandate.

Per assicurarsi, però, che questi sistemi garantiscano a pieno le grandi prestazioni di cui sono capaci, c’è bisogno di eseguirne la corretta manutenzione in maniera regolare. In tal modo si ottiene un duplice risultato: da un lato, la durata dell’infisso aumenta in maniera considerevole, così come la sua efficienza; dall’altro, si ha la certezza che la grande protezione garantita da una porta blindata non diminuirà nel tempo.

assistenza-portoncini-blindati-Milano

I consigli di CGS Metal per la manutenzione del tuo portoncino blindato.


In generale, la manutenzione dei portoncini blindati andrebbe svolta almeno una volta all’anno. Più in particolare gli elementi che andrebbero controllati con maggiore attenzione sono tre: innanzitutto le cerniere su cui fa perno la porta; in secondo luogo ci sono le guarnizioni; infine c’è il vero cuore del sistema di protezione.

In un certo senso, si può dire questi sistemi di protezione “avvertano” il loro padrone del fatto di aver bisogno di manutenzione. Ci sono, infatti, una serie di segnali da tenere in grande considerazione: la comparsa di una striscia sul pavimento in corrispondenza dell’apertura dell’anta è già significativa, così come i rumori insoliti mentre la porta viene aperta. Infine, un ultimo componente da controllare durante la manutenzione sono i cilindri: la sicurezza del serramento dipende in buona parte anche dal fatto che questo elemento funzioni alla perfezione e non dia problemi.

Nel particolare, sono 5 i particolari costruttivi dei portoncini blindati a cui dobbiamo rivolgere estrema attenzione per garantirne un perfetto funzionamento nel tempo:

  • Regolazione Cerniere,
  • Guarnizioni,
  • Serratura,
  • Soglia mobile paraspifferi,
  • Pannelli di Rivestimento
manutenzione-portoncini-blindati-Milano

Bastano pochi minuti per dare lunga vita al tuo portoncino!


Un portoncino blindato è un dispositivo complesso che con il passar del tempo è diventato sempre più tecnologico e complesso. Il sistema di certificazione al quale viene sottoposto è un valido aiuto per il consumatore. Per assicurarci che il blindato svolga il suo dovere al massimo delle sue potenzialità per gli anni a venire è bene, quindi, prestare un minimo di attenzione alla manutenzione annuale.

Si tratta di piccole operazioni, semplici ma determinanti e preventive. E’ pur vero che un portoncino del genere ha una durata notevole, ma come qualsiasi parte meccanica, va incontro ad usura e, se non vogliamo che vada incontro ad un deterioramento precoce, pochi minuti in un anno sono davvero pochi! E’ ovvio che per gli interventi più seri, c’è bisogno di rivolgersi ad uno specialista, come CGS Metal Srl, che offre assistenza post-vendita su tutti i prodotti realizzati ed installati a Milano e in tutta la provincia.

Installazione inferriate di sicurezza: come opera il nostro staff.

Installazione inferriate di sicurezza: come opera il nostro staff.

Azienda-installazione-inferriate-di-sicurezza-Lombardia

Per combattere l’ansia da furto!


Mettere in sicurezza la propria abitazione o il proprio negozio, resta un investimento intelligente, anche quando questo implica dei sacrifici economici. Se stai pensando di installare dei dispositivi di sicurezza per debellare definitivamente l’ansia da furto, dovrai sapere che, costruire delle valide difese meccaniche passive non è cosa da poco. Oltre alla qualità del prodotto, molto è fatto anche dall’installazione.

inferriate-sicurezza-porte-Lombardia

La procedura di installazione.


Innanzitutto, prima di iniziare a svolgere questa operazione, è necessario assicurarsi che ogni inferriata sia delle misure corrette, sia che si tratti di porte, che di finestre. Esse possono essere acquistate con le misure standard o si può chiedere ad un fabbro di realizzarle su misura. Una volta appurata la loro reale corrispondenza con le diverse aperture, si può iniziare la fase dell’installazione.

grate-finestre-lombardia

Avendo tutti gli strumenti a disposizione, si può iniziare con le finestre. Per ognuna di esse, si devono effettuare dei segni sulla parete al fine di fare dei fori in cui verrà ancorato il tutto. Per fare ciò, potrebbe rendersi necessario alzare la struttura e posizionarla sull’apertura così da essere precisi. Successivamente, si deve prendere il trapano a percussione e si possono praticare i buchi per l’inserimento dei sostegni, all’interno di ognuno dei quali si dovrà infilare una vite. Si deve riprendere l’inferriata e la si deve serrare sulla parete. Le viti devono essere avvitate molto accuratamente, facendo attenzione a non rovinare la testa, ma nello stesso tempo devono essere ben strette per bloccare tutto in maniera definitiva e sicura. Solo alla fine le teste possono essere eliminate e staccate. Con questo procedimento verranno messe in sicurezza tutte le finestre.

fabbro-installazione-inferriate

In seguito, per quanto riguarda le porte, si deve svolgere un altro tipo di operazione dato che si sta parlando di un serramento che necessita di chiusure amovibili. La differenza consiste nel fissaggio di alcune cerniere che ne consentano l’apertura e la chiusura. Ognuna di esse deve essere abbastanza forte da poter sorreggere la pesante struttura e deve essere fissata da un lato. Anche qui sarà più semplice disegnare dei fori sul muro e poi praticare dei buchi con il trapano.

Ovviamente, il tutto deve essere eseguito da esperti del mestiere al fine di garantire un risultato di elevata durata e qualità. Lo staff di CGS Metal Srl è specializzato nell’installazione di grate e inferriate di sicurezza, oltre ad eseguirne la produzione, anche su misura. Contatta la nostra azienda per saperne di più: operiamo in gran parte della Lombardia.

Detrazioni fiscali: facciamo un po’ di chiarezza sull’argomento.

Detrazioni fiscali: facciamo un po’ di chiarezza sull’argomento.

Detrazioni-fiscali-2019-inferriate-di-sicurezza-Como-Lombardia

Qualche informazione sulle detrazioni previste per il 2019!


Complemento di protezione e, allo stesso tempo, di design, grate e inferriate sono l’espediente ideale per proteggere la propria casa da intrusioni indesiderate, in quanto rappresentano un fastidioso ostacolo per chi tenta di entrare in un’abitazione.

Anche questi sistemi di sicurezza passiva rientrano tra gli elementi soggetti a detrazione fiscale: ma come funziona l’intera procedura? A quanto ammonta l’incentivo fiscale? In questo articolo i nostri esperti forniscono qualche dritta per semplificarti il viaggio nel complicato mondo burocratico delle agevolazioni fiscali!

incentivo-fiscale-inferriate-Como

Andiamo nel dettaglio…


Disciplinata dal “Testo unico delle imposte sui redditi”, la detrazione fiscale delle spese per interventi di ristrutturazione edilizia è stata resa permanente dal Decreto Legge n. 201/2011 dal 1° gennaio 2012 e inserita tra gli oneri detraibili dall’Irpef. La detrazione è pari al 36% delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 48.000 euro per unità immobiliare; ma dal 26 Giugno 2012 il decreto legge n. 83/2012 ha elevato al 50% la misura della detrazione e a 96.000 euro l’importo massimo di spesa ammessa al beneficio; ulteriori proroghe hanno fissato la possibilità di usufruire della maggiore detrazione Irpef (50%) sino al 31 dicembre 2019.  Dal 1° gennaio 2020 la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di 48.000 euro per unità immobiliare.

Le inferriate usufruiscono di queste agevolazioni in quanto, secondo quanto dichiarato al punto f) nell’articolo 3 del “Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia”, possono essere passibili di detrazione fiscale IRPEF tutti gli “Interventi relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi.”

In sostanza, le detrazioni fiscali risultano applicabili alle spese sostenute per realizzare:

  • rafforzamento, sostituzione o installazione di cancellate o recinzioni murarie degli edifici;
  • apposizione di grate sulle finestre o loro sostituzione;
  • porte blindate o rinforzate;
  • apposizione o sostituzione di serrature, lucchetti, catenacci, spioncini;
  • installazione di rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti;
  • apposizione di saracinesche;
  • tapparelle metalliche con bloccaggi;
  • vetri antisfondamento;
  • casseforti a muro;
  • fotocamere o cineprese collegate con centri di vigilanza privati;
  • apparecchi di prevenzione antifurto e relative centraline.
detrazioni-grate-2019-Lombardia

Come si può accedere delle detrazioni fiscali?


1) Indicare nella dichiarazione dei redditi i dati catastali identificativi dell’immobile.

2) Conservare ed esibire tutta la documentazione richiesta, ovvero le abilitazioni amministrative in relazione alla tipologia di lavori da realizzare e la comunicazione preventiva contenente la data di inizio dei lavori; la domanda di accatastamento per gli immobili non ancora censiti; le ricevute di pagamento dell’Ici; tutte le fatture e le ricevute fiscali relative alle spese effettivamente sostenute; tutte le ricevute dei bonifici di pagamento.

3) Inviare all’Azienda sanitaria locale competente la comunicazione con tutte le informazioni necessarie richieste.

4) Pagare mediante BONIFICO; è necessario che i pagamenti siano effettuati con bonifico bancario o postale, da cui risultino la causale del versamento, codice fiscale del beneficiario della detrazione, codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento.

grate-di-sicurezza

Chi può usufruire della detrazione?

Possono beneficiare dell’agevolazione di detrazione Irpef 50 %:

  • il proprietario;
  • il titolare di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie);
  • l’inquilino o il comodatario;
  • i soci di cooperative divise e indivise;
  • i soci delle società semplici;
  • gli imprenditori individuali, solo per gli immobili che non rientrano fra quelli strumentali o merce;
  • il familiare (coniuge, parenti entro il terzo grado, affini entro il secondo grado) convivente del possessore o detentore dell’immobile, purché sostenga le spese e le fatture e i bonifici risultino intestati a lui;
  • coloro che acquistano un immobile sul quale sono stati effettuati interventi che beneficiano della detrazione, ai quali vengono trasferite in automatico le quote residue del “bonus”, a meno che non intervenga accordo diverso tra le parti;
  • chi esegue i lavori in proprio, soltanto, però, per le spese di acquisto dei materiali utilizzati.

CGS Metal è il tuo consulente di fiducia non solo per quanto riguarda la produzione e l’installazione di inferriate ed altri sistemi di sicurezza passiva, ma anche per tutte le informazioni di cui necessiti per le relative detrazioni fiscali. Contattaci! Saremo lieti di rispondere a qualsiasi tua domanda o curiosità! Ci troviamo in provincia di Como ed operiamo in diverse zone della Lombardia.